Italiano | English

La cartina dei Comuni del Moscato d'Asti

Clicca sul quadrato rosso qui sotto per aprire la cartina dei Comuni del Moscato d'Asti.

La cartina dei Comuni del Moscato d'Asti Apri la mappa

Un passo in avanti nel percorso di realizzazione del marchio “Sorì”

Si è svolto nei giorni scorsi un incontro del gruppo di lavoro della Commissione Sorì che, in particolare, sta sviluppando per l’Associazione Comuni del Moscato il progetto della realizzazione di un marchio dedicato proprio ai Sorì, a quelle colline che offrono un vino Moscato d’Asti di particolare qualità. Nell’avvenuto videocollegamento era presente anche l’avv. Emanuela Bianco, specialista in marchi e brevetti, che precedentemente aveva già presentato una “ricerca di anteriorità” che ha svelato quanto e come finora la dicitura “Sorì” è stata utilizzata. In questo incontro è stata ulteriormente confermata la volontà di utilizzare la parola dialettale “Sorì” per identificare un prodotto particolarmente ricercato, un marchio che quando comparirà sulla bottiglia verrà associato a un prodotto di eccellenza. L’utilizzo di questa parola dialettale è di uso comune e compare sui prodotti di diverse aziende; ma quello che verrà realizzato dall’associazione sarà un marchio collettivo e non individuale: avrà quindi maggiore forza e avrà una certa complessità definita anche attraverso una scelta grafica molto caratterizzata e differente da tutto ciò che già esiste, e spendibile a livello internazionale. Questi elementi lo renderanno certamente difendibile di fronte a eventuali rivalse da parte di soggetti che utilizzano la stessa dicitura. C’è inoltre la necessità di stilare un “regolamento d’uso” dove verranno specificati i prodotti rappresentati e le regole di utilizzo. A questo punto, in vista del prossimo incontro, verrà preparata una linea descrittiva che interpreti la rappresentatività del marchio e anche qualche bozzetto grafico. Sarà inoltre preparata una bozza del regolamento d’uso che accompagnerà il marchio stesso. Verrà infine ancora discusso il preventivo di spesa già presentato dallo studio legale, che si occuperebbe anche di far sviluppare la parte grafica.